rolli_days_aprile_2016_discovery_genova_06

Rolli Days aprile 2016 – Il nostro resoconto

Non poteva iniziare meglio Aprile a Genova. Per festeggiare i primi dieci anni di Rolli Days e del Patrimonio Mondiale UNESCO quest’anno si è aggiunta una terza “tappa”. I Rolli Days di Aprile aprono la primavera a Genova, la stagione calda, è il momento dei turisti e i turisti hanno risposto numerosi: sono 90.000 le presenze per questi due giorni di cultura attraverso la città. I turisti che hanno animato i Rolli sono diversi: sono tanti gli stranieri, ci sono tanti italiani e poi ecco i tantissimi genovesi, pronti a riscoprire la città che di solito si nasconde.
Poter essere parte ufficiale dei Rolli è stato un grande onore e siete stati moltissimi ad usare la nostra mappa per girarvi tra i tanti palazzi aperti, il che ci fa un enorme piacere. Siamo così contenti dell’esperienza che già non vediamo l’ora che arrivino i Rolli Days di Maggio, anche perché stiamo lavorando a delle novità e quindi…

Un weekend (non solo) di Rolli – Elisa

Ho girato i Rolli con una amica Toscana, è venuta insieme al suo ragazzo per la mostra “Dagli Impressionisti a Picasso“. Le ho detto:”hai scelto un buon weekend per venire a Genova. Ci sono i Rolli Days, c’è il mercato in piazza Matteotti, c’è il Mercato Europeo a Caricamento… c’è anche la fiera primavera!”.
Mi piacciono questi weekend così ricchi.

I miei Rolli sono partiti da Piazza De Ferrari, si sono snodati attraverso i caruggi prima di arrivare in Via Balbi: ho potuto mostrare alla mia amica l’università di lettere (vissuta spesso come studente di lingue). Siamo risaliti fino a Palazzo Reale, immancabile, impossibile non visitarlo. Quindi ci siamo spostati in in Via Garibaldi, dopo una breve pausa nella meravigliosa Chiesa dell’Annunziata, dove abbiamo visitato Palazzo della Meridiana e Palazzo Podestà.
Ho finito la mia giornata al Mercato Europeo di Caricamento, tra bancherelle e ottimo cibo proveniente da tutti gli angoli d’Europa.
In conclusione… I Rolli Days, un bellissimo modo di passare la domenica.

I Rolli Days, miti e leggende

Sabato 2 aprile, primo giorno di apertura delle splendide dimore delle famiglie nobiliari genovesi del’500 e ‘600 – conosciuto come il Secolo dei Genovesi per l’appunto – con viste e scorci sui meravigliosi giardini pensili degradanti le alture che circondano il Centro Storico di Genova, incredibile palcoscenico di una rara atmosfera che si poteva respirare passeggiando per le strette viuzze brulicanti di turisti e visitatori alla ricerca dei tesori artistici, con in mano mappa e, sempre più, immancabile focaccia, uno “street food” di antichissime origini.

Le storie che oggi si possono leggere negli eleganti e raffinati ambienti dei Palazzi dei Rolli e in altre residenze nobiliari, raccontano le vicende e le gesta delle singole famiglie, spesso identificandosi con miti e leggende classiche, in una continua ricerca di un proprio ed esclusivo linguaggio artistico: dagli affreschi alle sculture; dagli ambienti di rappresentanza agli spazi verdi dei giardini; dalle strade nuove di via Garibaldi e via Balbi al rapporto con le ville suburbane.

Partecipare alle giornate dei Rolli Days significa anche per gli stessi cittadini riallacciare un rapporto con un passato artistico ed architettonico glorioso unico nel suo genere, oggi Patrimonio Mondiale UNESCO, che per molti decenni è stato “dimenticato”.
La seconda edizione dei Rolli Days 2016 è fissata per il 28 e 29 maggio. In tale occasione sarà inaugurato il nuovo collegamento tra il Museo di Palazzo Bianco e il Museo di Palazzo Tursi di via Garibaldi. Sarà un weekend inteso di storia e di ulteriori scoperte, a passeggio per i vicoli con mappa e… focaccia delle antiche “sciamadde”.

A tal proposito, parlando con una famiglia di giapponesi incontrati in piazza Banchi, si scopre che nonostante le poche ore a disposizione per visitare la città – il giorno dopo sarebbero partiti per Oslo (!) – erano alla ricerca di un locale che facesse esclusivamente prodotti tipici, un qualcosa di più “tangibile” da ricordare nel loro lungo viaggio in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *